fabbro idraulico elettricista pronto intervento

  345/0126000 Fabbro, Idraulico, Elettricista servizio di Pronto Intervento 24h/24 no stop,

anche nei giorni festivi.

Installazione Caldaia e Detrazioni Fiscali

La maggior parte delle caldaie, quelle che troviamo nelle comuni abitazioni con una potenza tra i 24KW ed i 32KW sia per impianti ad alte temperature sia per impianti a basse temperature, sono progettate per installazione a parete.

L’Installazione Caldaia può essere fatta con alimentazione a metano e GPL o ad aria propanata in questo caso occorre ottemperare alle regole per i gas aventi densità maggiori dell’aria, è bene ricordare che è vietata l’installazione di impianti alimentati a gas aventi densità maggiore dell’aria, in locali che hanno il pavimento ad una quota inferiore a quella esterna media di campagna. In ogni caso, i principali riferimenti legislativi sono le norme UNI 7129 e 7131 e le norme CEI e 64-9 con le relative e successive integrazioni e modifiche.

detrazione fiscale caldaie

detrazione fiscale caldaie

In generale l’Installazione Caldaia può essere effettuata all’esterno o in un luogo parzialmente coperto o altrimenti in un luogo non esposto all’azione diretta degli agenti atmosferici, in tali casi la maggior parte delle case costruttrici mette a disposizione dei kit di copertura. Vogliamo ricordare, che a seguito dell’entrata in vigore dei regolamenti in materia di ErP, le caldaie a condensazione sono le uniche installabili a norma di legge.

LEGGI ANCHE LAMPADINE A RISPARMIO ENERGETICO

L’istallazione Caldaia, è una delle operazioni più importanti da effettuare nella propria abitazione, è opportuno, pertanto, che sia effettuata da un tecnico abilitato per garantire le prescrizioni delle norme UNI e CEI tenendo in considerazione la normativa tecnica locale. Chi sostituisce la vecchia caldaia con una nuova può scegliere di usufruire della Detrazione Fiscale del 50% (interventi di recupero del patrimonio edilizio) o della Detrazione Fiscale del 65% (interventi di riqualificazione energetica). Fra gli interventi ammessi alla detrazione del 50% irpef, vi è la sostituzione della vecchia caldaia tradizionale con una nuova a condensazione, biomassa o pompa di calore. Per ottenere lo sgravio è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale da cui risultino:

causale versamento

codice fiscale del soggetto che paga

codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento

I contribuenti a questo punto, devono conservare, oltre al bonifico, le fatture o le ricevute fiscali relative alle spese effettuate. Questi documenti, che devono essere intestati alle persone che fruiscano della Detrazione Fiscale, potrebbero infatti essere richiesti dagli uffici finanziari che controllano le loro dichiarazione dei redditi. La detrazione per gli interventi di recupero edilizio non è cumulabile con l’agevolazione fiscale del 65% prevista per i medesimi interventi dalle disposizioni finalizzate al risparmio energetico. Pertanto, nel caso in cui gli interventi realizzati rientrino sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico che quelle per le ristrutturazioni edilizie, il contribuente potrà fruire, per le medesime spese, soltanto dell’uno o dell’altro beneficio fiscale. Per beneficiare della Detrazione fiscale sul risparmio energetico relativa alla sostituzione integrale o parziale di impianti di climatizzazione invernale dotati di caldaia a condensazione oppure per l’installazione Caldaia a biomassa è necessario acquisire i seguenti documenti e consegnarli a un commercialista, Caf o chi si occupa della dichiarazione dei redditi.

L’asseverazione firmata di un tecnico abilitato, che consente di dimostrare che l’intervento realizzato è conforme ai requisiti richiesti, se la potenza nominale della caldaia a condensazione è inferiore a 100KW( in pratica la stragrande maggioranza delle abitazioni con riscaldamento autonomo) questo documento può essere sostituito  da una dichiarazione dei produttori della caldaia e delle valvole termostatiche ove obbligatorie. La dichiarazione dei produttori non è invece ammessa per le caldaie a biomassa, anche quando hanno la potenza inferiore a 100KW

Le fatture relative alle spese sostenute

le ricevute dei bonifici bancari o postali specifici per le detrazioni fiscali.

La ricevuta di invio telematico effettuato su sito predisposto dall’ENEA, con la scheda descrittiva dell’intervento. Tale invio va effettuato entro 90 giorni dalla data dei fine lavori.

Per la riqualificazione energetica delle singole abitazioni, la finanziaria del 2007 è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017.

Se vuoi cambiare la tua caldaia a Milano, Firenze, Bologna, Rimini, Forli-Cesenza contattaci.

Valuta questo servizio

Post Tagged with